Storia di Dalila la volpe e di Alý il cairino, detto Argentovivo
(7/20)
Home | Arte e Cultura | Immigrazione | Islam | Notizie | Cucina | Aziende | Giustizia | Suggerimenti | Note Legali | E - Mail

 
 

pilastri ... E a un tratto ecco la vecchia Dalila che veniva verso di loro! Quelli le balzarono addosso, l'acciuffarono e la condussero dal capo della polizia e, poiché questi in quel momento stava dormendo, si misero a sedere nel cortile aspettando che si svegliasse.

Era l'ora calda del giorno e così, a poco a poco, tutti furono colti dalla sonnolenza, e anche Dalila fece finta di addormentarsi. Ma dormiva con un occhio aperto, e quando vide che tutti erano sprofondati nel sonno, quatta quatta si alzò e sgattaiolò nell'harem del capo della polizia. Riuscì a trovare le stanze della moglie del capo e quando fu al cospetto di costei le baciò le mani e le disse: " Padrona cara, vorrei vedere il vostro signore, il capo della polizia! " " Il capo della polizia in questo momento sta riposando! Ma che vuoi da lui? "

Allora Dalila disse: " Mio marito, che è mercante di schiavi, prima di partire per un viaggio mi ha lasciato cinque schiavi da vendere nel modo migliore. Stamane il capo della polizia, passando per il mercato, ha visto questi cinque schiavi e me ne ha offerto mille dinàr, più duecento di provvigione per me. Io ho accettato il prezzo e così ora sono venuta a consegnarglieli. " " E dove sono questi cinque schiavi? " domandò la padrona di casa. " Sono nel cortile. Basta che tu ti affacci a quella finestra e li vedrai. " Allora la moglie del capo della polizia si affacciò a una finestra e vide i cinque uomini addormentati nel cortile, e poiché giudicò che i soli abiti che avevano indosso valessero più di mille dinàr, pensò che quello era un affare da non lasciarsi sfuggire. Così, tornò verso la vecchia e, presi da uno stipo mille dinàr, glieli diede dicendo: " Cara zia, eccoti i mille dinàr. Purtroppo, io non ho altro con me sul momento; se vuoi, aspetta che mio marito si svegli, se no ripassa un altro giorno per incassare gli altri duecento dinàr. " " Sai che ti dico, signora mia? " fece Dalila la Volpe dopo aver preso i mille dinàr, " dei duecento dinàr che restano, cento sono tuoi: erano attaccati sotto l'orcio dell'acqua fresca.in quanto agli altri cento, passerò uno di questi giorni a prenderli. " Ciò detto Dalila uscì dalla porta segreta dell'harem e se ne tornò, senza che alcuno la fermasse, a casa sua. Appena fu arrivata, la figlia Zainab le chiese: " Mamma cara, che cosa hai combinato oggi? " E Dalila la Volpe ridendo le disse: " Figlia mia, ho combinato un bello scherzo alla moglie del capo della polizia vendendole come schiavi, per mille dinàr, l'asinaio, il tintore, l'ebreo, il barbiere e il giovane mercante. Epperò di tutti costoro ce n'è uno solo che mi preoccupa ed è l'asinaio! Quel figlio di malafemmina ogni volta che m'incontra mi riconosce! " Allora Zainab le disse: " Madre mia, se le cose stanno così, farai meglio a rimanere tranquilla in casa per qualche giorno. Non dimenticare il proverbio, che dice: < Batti e ribatti, ogni orcio si spezza. > " Ma torniamo agli altri. Quando il capo della polizia si alzò dopo aver fatto il suo pisolino pomeridiano la moglie gli disse: " Spero che il sonno ti sia stato dolce e ristoratore! Sono contenta per i cinque schiavi che hai comperato. " " Quali schiavi? " " Ah, se è così, se vuoi tenermi nascosta la cosa, che essi possano prendersi gioco di te come tu ti prendi gioco di me! " " In nome di Allàh, si può sapere che cosa stai dicendo? lo non ho comprato nessuno schiavo. Chi è che ti ha dato queste notizie? " " La vecchia, " rispose la moglie, " proprio quella da cui tu li hai comprati per milleduecento dinàr. E non solo li ha condotti qui, ma me li ha mostrati giù nel cortile, e ho potuto vedere con i miei occhi che i soli abiti che hanno indosso valgono almeno mille dinàr. " " E tu, " chiese il capo della polizia che cominciava a insospettirsi, " hai dato del denaro a questa vecchia? " " Certamente, " rispose la moglie. Allora il capo della polizia scese in cortile, dove non vide altri che l'asinaio, il barbiere, l'ebreo, il giovane mercante e il tintore.
Così domandò alle guardie: " Dove sono i cinque schiavi che la vecchia è venuta a vendere alla vostra padrona? " E quelli risposero: " Da quando tu sei andato a dormire, signore, non sono venuti che questi cinque che vedi là! " Allora il capo della polizia si rivolse a quei cinque e disse loro: " La vostra padrona, quella vecchia, vi ha venduti a me per mille dinàr. Cominciate a lavorare vuotandomi le chiaviche del palazzo. " A queste parole i cinque caddero dalle nuvole e cominciarono a gridare: " Se questo è il tuo modo di farci giustizia, non ci rimane che ricorrere al nostro signore il califfo. Noi siamo uomini liberi e non possiamo essere venduti o comperati. " " Se non siete degli schiavi, " ribatté il capo della polizia, " vuol dire che siete dei ladri e degli imbroglioni, che siete d'accordo con la vecchia e che siete stati voi a condurla nel mio palazzo per combinarmi questo imbroglio! E quindi, per Allàh, state sicuri che vi venderò a qualche straniero per cento dinàr ciascuno! " Mentre diceva ciò, ecco che entrò nel cortile del palazzo l'emiro Hasan, Flagello delle Strade, che veniva a lamentarsi col capo della polizia per la disavventura toccata alla moglie. Non appena ebbe visto il capo della polizia, l'emiro Hasan cominciò a gridare: " E', così che tu fai il tuo dovere? Permettendo alle vecchie ruffiane d'introdursi negli harem e di truffare le mogli degli emiri? E' questo che sai fare? Per Allàh, io ti ritengo responsabile di questa faccenda e dei danni causati a mia moglie! " Sentendo ciò, i cinque esclamarono: " 0 emiro, o valente capitano Flagello delle Strade, noi rimettiamo nelle tue mani anche la nostra causa! " E l'emiro Hasan domandò loro: " E voi, che cosa avete da reclamare? " Allora quelli gli raccontarono le loro disavventure e l'emiro Hasan, dopo che ebbe ascoltato, disse: " Senza dubbio, anche voi siete stati imbrogliati e ora il capo della polizia si sbaglia se pretende d'imprigionarvi!." A questo punto, il capo della polizia, vedendo come si mettevano le cose, disse: " 0 emiro Hasan, per quel che riguarda i danni causati a tua moglie, penserò io a risarcirteli e in quanto alla vecchia ti garantisco che la acciufferemo. Ma c'è qualcuno di voi che la conosce? " Al che i cinque risposero: " La conosciamo tutti, ormai. Tu dacci dieci soldati e noi la agguanteremo. " Il capo della polizia ordinò allora che dieci guardie si recassero con quegli uomini, e così tutti quanti uscirono in caccia della vecchia.

Ed ecco che voltato l'angolo di un vicolo andarono a, sbattere proprio addosso a Dalila la Volpe. Subito la presero e la portarono dal capo della polizia, il quale chiamò il carceriere e gli ordinò di prendere in custodia la vecchia. ... continua ...

Arab.it - Favole
Storia di Dalila la volpe e di Alý il cairino, detto Argentovivo
7/20
Arab.it
Se questo sito ti è stato utile consiglialo ora...
Favole dal Mondo Arabo
 
Home | Arte e Cultura | Immigrazione | Islam | Notizie | Cucina | Aziende | Giustizia | Suggerimenti | Note Legali | E - Mail
Arab.it Copyright © A R C O SERVICE 1996-2011. All rights reserved. Tutti i diritti riservati.
E-mail: info@arab.it.