La solidarietà ai Prigionieri Politici Palestinesi del Forum Palestina *

Home | Arte e Cultura | Immigrazione | Islam | Notizie | Cucina | Aziende | Giustizia | Suggerimenti | E - Mail



Resoconto commissione

Rete Solidarietà Prigionieri Palestinesi

La solidarietà ai Prigionieri Politici Palestinesi è parte integrante
della più ampia solidarietà a tutti i prigionieri rinchiusi nelle carceri nel nord come nel sud del mondo.
Così come il problema della prigionia politica e della repressione israeliana nei confronti dei Palestinesi è parte integrante della sua più ampia collocazione internazionale nei confronti dei popoli e di tutti coloro che lottano per la loro liberazione dall'occupante e dallo sfruttamento.

Il nostro sostegno ai Prigionieri Palestinesi si rivolge a tutti senza nessuna discriminazione. Non saremo noi a differenziare i Prigionieri sulla base della scelta del mezzo di lotta politica e della appartenenza a singole organizzazioni della lotta di liberazione del Popolo PalestineseIl sostegno ai simboli della repressione israeliana, ad esempio la richiesta immediata della liberazione di Barghouti, può essere strumento per accrescere la solidarietà e il sostegno a tutti i Prigionieri Palestinesi solo se si colloca all'interno della discriminate precedente, rompendo così la tendenza a dividere i Prigionieri sulla base della loro scelta di lotta e di organizzazione.

Israele è il carceriere del Popolo Palestinese.

Il Popolo Palestinese è nella sua totalità prigioniero. E' prigioniero all'interno dei Territori Occupati nel '67 come nel '48, nei campi profughi dentro e fuori la terra di Palestina, nelle prigioni sioniste come in ogni carcere del mondo.
I Prigionieri Palestinesi si possono "dividere" in tre "categorie" di detenzione:

1. Prigionieri in detenzione amministrativa

2. Prigionieri nei territori occupati nel '67 e nel '48

3. Prigionieri della Intifada

Il nostro sostegno non si indirizza ad una singola tipologia di prigionieri ma si pone l'obiettivo di ricercare tutti i possibili strumenti per informare sulla loro situazione e sviluppare al massimo il sostegno nei loro confronti.
La Commissione lancia fin da ora un appello agli Avvocati per la costituzione di una "Commissione Giuristi" con l'obiettivo di:

1. Attraverso i compagni Palestinesi prendere contatti con Avvocati Palestinesi che seguono processi politici, per creare rapporti stabili e sviluppare una campagna di informazione di massa sulla struttura repressiva sionista.

2. Creare una delegazione che tenti di visitare le carceri e incontrare i Prigionieri Palestinesi con l'obiettivo di sviluppare una campagna di denuncia sulle loro condizioni.

3. Tentare di far nominare, ai Prigionieri Palestinesi, Avvocati Internazionali per presenziare ai processi.

4. Creare iniziative di respiro di massa sulla problematica della violazione dei diritti dei prigionieri palestinesi, con la presenza di ex Detenuti Palestinesi.

L'obiettivo è quello di portare un maggior numero di soggetti a conoscenza della situazione dei Prigionieri Palestinesi. Sulla base di questo obiettivo la Commissione ritiene che la costituzione della "Commissione Giuristi" possa essere uno strumento di impatto "di massa".

Per il mese di Giugno la Commissione propone, sulla base di quanto premesso, l'organizzazione di una serie di iniziative pubbliche, coordinate a livello nazionale, con la presenza di una Compagna Palestinese ex prigioniera.

La Commissione individua la possibilità di valorizzare il 19 Giugno, Giornata Internazionale del Rivoluzionario Prigioniero, come giornata della "Libertà per i Prigionieri per la Libertà", a sostegno dei Prigionieri Palestinesi e per la loro immediata liberazione. Il "giro" della Compagna Palestinese può essere la base minima per costruire tale iniziativa attorno al 19 Giugno.

Per rispondere al sentire comune di intraprendere rapporti stabili a livello internazionale per sostenere la lotta del popolo palestinese, tale appello può essere fin da subito lanciato anche attraverso A.N.S.W.E.R, coordinamento americano che fa capo all'International Media Center, organizzatore negli USA di numerose e partecipate manifestazioni a sostegno del popolo palestinese, oltre che a tutte quelle organizzazioni popolari arabe che stanno nascendo dal nord africa al Mashrek a sostegno dell'Intifada.

Altre iniziative potranno essere decise a livello locale o coordinate a livello di Assemblea Nazionale del Forum Palestina.

Riprendendo quanto proposto dai Compagni Palestinesi per i campi profughi, la Commissione propone "l'adozione" di alcuni carceri e di prigionieri palestinesi, da individuare sulla base dei contatti con gli avvocati e i compagni palestinesi, cercando di svilupparla come campagna di massa. Da individuare le forme e i modi della sua realizzazione nella pratica.

Fin da subito l'invito è quello di individuare le modalità per intraprendere il sostegno finanziario ai Prigionieri e alle loro famiglie.

La Commissione esprime un giudizio unanime sulla impossibilità a collocare i detenuti riservisti israeliani per obiezione alla chiamata alle armi "Refusnik" sullo stesso piano dei palestinesi prigionieri.

Questo non presuppone l'esclusione dal nostro sostegno.
Viene ritenuto importante riuscire ad organizzare iniziative pubbliche con gli appartenenti a Refusnik in quanto sicuramente contraddizione forte all'interno dello stato sionista d'israele. Tali iniziative, per il loro interesse sicuramente molto ampio a livello di massa, consentirebbero di parlare a un vasto numero di soggetti, anche molto diverso da quelli che tradizionalmente riusciamo a raggiungere.

La Commissione invita a rafforzare, come richiesto dai compagni della Carovana Giorgiana Masi, l'iniziativa da loro convocata a Roma per Sabato 11 Maggio sotto la lapide di Giorgiana Masi, allargandola a favore della Liberazione dei Prigionieri Palestinesi.

Nel corso della discussione sono emerse altre proposte da porre alla assemblea plenaria.
E' sentire comune la necessità di creare uno strumento di comunicazione adeguato per coloro che condividono il lavoro impostato dalla Commissione e dell'Assemblea Nazionale del Forum Palestina.

Un sito web dedicato potrebbe rispondere a tale esigenza oltre che essere luogo dove tutti gli interessati possono trovare i materiali prodotti.

Con lo stesso spirito c'è un invito da parte della Commissione alla realizzazione di un manifesto a livello nazionale dove riportare le
iniziative decise dalla Assemblea Nazionale del Forum Palestina, dalle iniziative di boicottaggio dei prodotti israeliani, alle iniziative a sostegno dei prigionieri, alla adozione dei campi profughi.

E' stata espressa la disponibilità di un componente della Segreteria Regionale Toscana di RC a intraprendere un lavoro all'interno delle istituzioni per curare feriti palestinesi negli ospedali toscani.

Questo può essere unito alla proposta di far venire in Italia donne di Jenin per portare testimonianza diretta del massacro ad opera dell'esercito israeliano.

E' inoltre emersa la necessità di intraprende e/o rafforzare i rapporti con i Palestinesi dei campi profughi dentro e fuori la Palestina.
Per quanto riguarda Sabra Chatila viene ricordato che a settembre 2002 ricorre il 20° anniversario del massacro. Stefano Chiarini del Manifesto organizza per quei giorni una visita a Sabra Chatila e in altri luoghi del Libano della Lotta di Liberazione del Popolo Palestinese.
.

* Forum Palestina



Home | Arte e Cultura | Immigrazione | Islam | Notizie | Cucina | Aziende | Giustizia | Suggerimenti | E - Mail
Arab.it


info@arab.it Copyright A R C O SERVICE 1997-2002. All rights reserved. Tutti i diritti riservati.
E-mail: info@arab.it Tel: + 39 010 5702411